Risotto-minestra di zucchine

No, il titolo non contiene errori; questa ricetta è a metà tra un risotto ed una minestra.
Ho voluto dare il mio tocco al classico risotto con le zucchine e devo dire che ne sono rimasta soddisfatta!

riso zucchine

Ingredienti monoporzione:
70 gr di riso carnaroli
200 gr di zucchine (2 circa)
1/2 cipolla piccola
1/4 di bicchiere di vino bianco
del brodo vegetale (un pentolino)
olio
sale
formaggio

Preparazione:
Preparare il brodo vegetale,  pulire e tagliare la cipolla a tocchetti, fare lo stesso con le zucchine.
In una padella soffriggere metà della cipolla in un pochino d’olio, la restante parte sarà utilizzata per un secondo soffritto nella pentola adibita alla cottura del riso.
Pronti i soffritti versare metà delle zucchine tagliate nella padella (tenete da parte le restanti, le useremo più tardi) per cuocerle aggiungendo un goccino d’acqua e un pizzico di sale, aggiungere il riso al contenuto della pentola per farlo tostare.
Tostato il riso aggiungere il vino e una volta sfumato procedere alla cottura aggiungendovi la metà restante delle zucchine ed il brodo richiesto di volta in volta dal riso.
Aspettando il termine della cottura del riso frullare con un cucchiaino d’olio le zucchine cotte in padella con un pochino della loro acqua di cottura.
Disporre il passato sul fondo del piatto per poi adagiarvi sopra il risotto di zucchine, aggiungere formaggio a piacimento!

Annunci

Salsa di noci

Stavo preparando la pasta e volevo un condimento diverso dal solito. Così, all’improvviso, mi è venuta in mente la salsa alle noci, che era la mia preferita quando ero più piccola, ma che non assaggiavo da anni. Ecco qui la ricetta, velocissima. Potete utilizzarla per condire ogni tipo di pasta, compresi ravioli e i classici pansotti liguri.

Immagine

Ingredienti (per due/tre persone):

5 noci

mezzo bicchiere di latte

un cucchiaio di Parmigiano Reggiano grattugiato

mollica di pane –  mezzo bicchiere

sale

pepe

olio d’oliva

pinoli, un cucchiaio

aglio

Procedimento

Mettete la mollica a mollo nel latte così che si inzuppi. Sgusciate le noci e togliete la pellicina scura che può rendere il composto leggermente più amaro. Il trucco per fare questa operazione più facilmente e in modo preciso è di lasciare le noci sgusicate a bagno in acqua bollente per qualche minuto, ma io spesso salto questo passaggio per mancanza di tempo e il risultato è comunque buono. Mettete le noci nel frullatore/tritatutto insieme a Parmigiano, pinoli, mollica inzuppata e aglio (può essere omesso per un gusto più delicato). Frullate tutto, aggiungendo il latte poco alla volta fino ad ottenere una salsa liscia e omogenea. Aggiungete un goccio d’olio, salate e pepate a piacere.

Ecco fatto, è già pronta per essere servita! Consiglio poi di spolverare con del Parmigiano grattugiato.

Si conserva in frigo, in un recipiente chiuso o coperto, per due giorni.

Risotto alle pere

Prepariamo un risotto leggero, semplice e molto delicato.
Affinché si possa ottenere la buona riuscita della ricetta è necessario utilizzare delle buone pere, consiglio la Decana, non ne rimarrete delusi!

Riso e pere

Ingredienti per 3 porzioni:
180/200 gr di Riso
1 pera Decana grande
Brodo vegetale, dado
opzionale: cipolla, olio (per soffritto)

Preparazione:
Preparare innanzitutto il brodo.
Pulire la pera pelandola e privandola dei semi, tagliarla a cubetti e tenerla momentaneamente da parte.
In una pentola preparare il soffritto (usando poca cipolla altrimenti il sapore della pera verrà coperto) e tostare il riso per qualche secondo, aggiungere il brodo e una parte della pera a cubetti, un po’ più della metà.
Aggiungere poco per volta il brodo in modo che il riso possa cuocere in maniera ottimale. A circa 5 min dalla fine della cottura aggiungere il resto della pera e proseguire.
Una volta asciugato il brodo e cotto il riso togliere la pentola dal fuco e a piacimento aggiungere una piccola noce di burro per mantecare.
Servire il risotto e secondo il gusto personale aggiungetevi un po’ di parmigiano (non troppo per le ragioni già espresse).

Zuppa d’autunno

Quante volte tornando a casa la  sera stanchi ed infreddoliti avete pensato di prepararvi per cena qualcosa di caldo e leggero?  A me è capitato proprio poco fa e pensa che ti ripensa ho deciso di  cucinare una bella zuppa dal colore autunnale: la Zuppa Arancione! Mi fate compagnia???

zuppa

Ingredienti per 2 persone:
250 gr di zucca (senza scorza)
2/3 carote
1 patata grande
1 gambo di sedano
mezza cipolla
brodo vegetale
olio e sale q.b.
opzionale: pane d’Altamura a fette o Pancarrè

Preparazione:
Innanzitutto preparate il brodo e successivamente pelate la carota e la patata.
Tagliate a parte la cipolla e ridotta a pezzettini unitela con un giro d’olio nella pentola per fare il soffritto (a fiamma bassa in modo da avere il tempo per svolgere i passaggi successivi e non bruciare niente). Tagliate a pezzi la zucca, la patata, le carote ed il sedano.
Una volta pronto il soffritto aggiungete le verdure a pezzi, alzate la fiamma e coprite il tutto con del brodo, mescolate e lasciate cuocere per circa 30/40 min (dipende dalla grandezza dei pezzi delle verdure).
Durante la cottura tenete d’occhio il brodo in modo tale che non si asciughi troppo e permetta alle verdure di cuocere adeguatamente, se ce ne fosse bisogno aggiungetene dell’altro, ed aggiustate di sale.
Una volta che tutte le verdure sono cotte e che il brodo si è asciugato in buona parte potete spegnere il fuoco. Con l’aiuto di un frullatore ad immersione frullate il tutto,  un ultimo giro d’olio e impiattate con l’aggiunta di un pochino di prezzemolo. Bon appetit!!
Opzionale è l’aggiunta dei crostini, in mancanza del pane adeguatamente tostato ed accompagnato dall’origano e ad un filo d’olio usate il Pancarrè tagliato a quadretti e tostato, andrà bene lo stesso!

Chicca… a volte, se devo uscire per l’ora di pranzo ossia verso le 12.30 e non ho tempo di mangiare a casa, la preparo prima di uscire e una volta pronta la trasferisco in uno di quei grandi bicchieri che servono nelle famose caffetterie americane per poter pranzare facilmente e in modo salutare anche a spasso fuori casa!